I capitoli del diario

1- La cassetta degli attrezzi

2- Il planisfero

3- I fossili

4- Come si formano i fossili

5- Come si datano i fossili

6-La scienza che studia i fossili

7- Il mestiere del paleontologo

8- .........................

9- .........................

10- .......................

11- .......................

12- .......................

13- Giochiamo con i fossili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I fossili

Tracce del passato

Se non vi sono tracce non c’è passato.
Le tracce devono essere identificate e comprese come  un messaggio, devono essere lette.

piede
dino_foot
Impronta fossile di piede umano
Impronte fossili di dinosauro
   
bird
vortex spiralis
Uccello fossilizzato
Conchiglie fossilizzate

La ricerca dell’origine della vita sul nostro pianeta viene fatta attraverso lo studio delle tracce.

Queste sono i REPERTI FOSSILI.

Che cosa sono i fossili?

strati

I fossili sono resti di organismi, o tracce prodotte da organismi vegetali e animali vissuti in ere precedenti alla nostra. Sono resti pietrificati di piante  e di  animali che si ritrovano negli strati del suolo.
La parola “FOSSILE”  deriva dal latino FODERE che significa scavare. Infatti i fossili vengono alla luce attraverso scavi operati entro gli strati del terreno che li contiene.

La fossilizzazione

Il processo di fossilizzazione è un evento molto raro perché può avvenire solo in speciali condizioni ambientali e deve verificarsi molto rapidamente.
In particolare, al momento della morte l’organismo deve essere subito ricoperto dai sedimenti compatti, come il fango o la sabbia, per non venire distrutto dai batteri o dagli agenti atmosferici (acqua, pioggia, vento, clima).Per questo motivo gli ambienti più adatti alla fossilizzazione sono quelli marini, palustri, lacustri, lagunari, dove sono presenti fanghi e sabbie.

messel
ammo1

Come si sono formati i fossili  nella fossa tedesca di Messel?

Vicino a Darmstadt [città sul Reno della Germania] si trova la famosa fossa di Messel, celebre per i fossili che si sono trovati e si continuano a trovare.
La particolarità dei fossili di Messel è il loro buon stato di conservazione. Gli scheletri sono quasi tutti completi e in parte ancora ricoperti da parti molli. In alcuni esemplari si riesce persino ad analizzare il contenuto dello stomaco. Questi fossili, perciò, sono particolarmente preziosi per gli scienziati e affascinanti per i profani.
I fossili si trovano depositati nel cosiddetto scisto bituminoso che contiene, appunto, bitume. Così, preservati dal contatto con l'aria, si spiega il loro buon stato di conservazione.

Ma come ha potuto  aver origine un simile deposito? Come gli animali e le piante vi sono finiti dentro?

- PRIMA IPOTESI
Alcuni scienziati pensano  che, cinquanta milioni di anni fa, in quel posto, vi fosse un lago le cui acque, nella parte più profonda, non contenevano praticamente ossigeno. In seguito a ciò, si è potuta formare una putrida massa melmosa, in cui gli animali morti affondavano. Questa massa  e le carcasse degli animali si sono  poi consolidati  nell'odierno scisto bituminoso.

- SECONDA IPOTESI
Altri scienziati invece ritengono che la composizione e la frequenza dei fossili osservati a Messel si può spiegare soltanto come risultato di una gigantesca catastrofe, durante la quale animali, piante e il fango che si andava depositando, riempirono la fossa in rapida successione.
Questo avvallamento forse si è formato in seguito  a un  grande diluvio.
Ciò significa anche che la fossa rappresenta un'istantanea della flora e della fauna in quel preciso momento.
A favore di  questa ipotesi parlano anche le seguenti caratteristiche di alcuni dei fossili rinvenuti: la corazza delle singole tartarughe è vistosamente schiacciata e spezzata come se un grosso peso avesse fatto pressione al centro della corazza. Alcuni serpenti vennero imprigionati nel fondo mentre vi strisciavano. Furono dunque sepolti vivi e assai velocemente, poiché i serpenti morti si presentano sempre completamente allungati o arrotolati su se stessi. Si sono trovati piccoli di serpenti pronti ad uscire dall'uovo. Devono essere stati trascinati da tanta di quell'acqua da poter essere stati  trasportati dal covo fin sul fondo del lago. Sono stati trovati uccelli con piumaggio in buon stato di conservazione. Le piume dei volatili si decompongono rapidamente nell'acqua, dunque devono essere state sepolte lì molto in fretta. Lo stesso vale per tutti i pesci con parti molli ben conservate, giacché la carne di pesce imputridisce subito. Analogamente, gli insetti sono stati ritrovati con le ali distese, mentre quelli morti hanno per lo più le ali chiuse. Fossili simili non possono avere origine nel corso di una lenta sedimentazione. Quasi tutti i fossili di Messel portano in sé la caratteristica di una morte rapida e innaturale.
Per la formazione a Messel degli strati contenenti fossili non c'è stato affatto bisogno di 2 milioni di anni, probabilmente il tutto è durato meno di 2 anni. 

MESSEL

 

back